VIDEO

Pixel d'Artista

L'Italia unita nell'arte

Cristiano Pintaldi al Macro

Cristiano Pintaldi @ Galleria Mucciaccia

I Martedì Critici - Cristiano Pintaldi

#Closeup Puntata 11 - Cristiano Pintaldi

Cristiano Pintaldi: i pixel dipinti

Nasce nel 1970 a Roma.

Vive e lavora a Roma.

Cresciuto in una famiglia di pubblicitari appassionati d’arte, dal 1991 ha cominciato a usare solo i tre colori primari, rosso, verde e blu, su uno sfondo nero, accostandoli nello stesso modo in cui i pixel si dispongono per dare vita all’immagine sullo schermo televisivo.

I soggetti scelti – che sono tratti dalla cultura popolare, dai programmi televisivi, dai cartoni animati, dai film cult di fantascienza e dai film di Kubrick – sono così scomposti in pixel, che però sono, di fatto, creati dall’artista con una mascherina di un centimetro quadrato che comprende al suo interno tre segni paralleli verticali dei tre colori.

Pintaldi applica numerosi strati di pittura con l’aerografo, lavorando su tre livelli, uno per volta, e scoprendo l’effetto solamente a fine lavoro.

Tra le immagini simbolo ci sono: l’alieno, l’UFO, il fulmine, il Papa, la maschera, che, con altre, sono per l’artista in qualche modo delle chiavi d’interpretazione della realtà in cui viviamo.

L’abile riduzione dello spettro dei colori operata da Pintaldi instaura un dialogo tra colori e forme, forzandoci a investigare sia i limiti, sia la sintesi, tra realtà e finzione.

OPERE IN COLLEZIONI PUBBLICHE


MAXXI Museo d’Arte Contemporanea del XXI secolo, Roma

“senza titolo”, 2003, acrilico su tela, 160 x 250 cm


MART, collezione VAF – Stiftung, Trento

“senza titolo”, 2004, acrilico su tela, 180 x 270 cm

“senza titolo”, 2006, acrilico su tela, 190 x 330 cm


MACRO Museo d’Arte Contemporanea Roma

“senza titolo”, 2000, acrilico su tela, 100 x 130 cm


GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma

“senza titolo”, 1996, acrilico su tela, 191 x 260 cm


CAMeC Centro d’Arte Moderna e Contemporanea, La Spezia

“senza titolo”, 2000, acrilico su tela, 150 x 200 cm


Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli, Torino

“Pigmeo, 1996, acrilico su tela, 95×127 cm

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.